IV° seduta - 2022 - 15.03.2022


Data: martedì 15 marzo 2022

Ore: 20.00

Luogo: Riunione in videoconferenza



Presenti: Petta Gerardo, Putrino Anna, Chirichella Rosanna, La Torre Cosimo, Cartelli Renato, Antolic Mezin Ana, Calabrese Ippazio, Cianciulli Antonia, Giardino Francesco, Ilardo Domenica, Luciani Maria Cristina, Maurello Vincenzo, Pingitore Mario, Puntillo Donato, Sivillica Paolo, Tacconi Alessio, Ticchio Giuseppe, Zanetti Melania


Assenti giustificati:


Per il Consolato: Console generale, Min. Plen. Gabriele Altana

Ospiti: Paolo Da Costa, CGIE


Il Presidente Petta apre la seduta salutando gli intervenuti.


Comunicazioni della Presidenza

Petta, prima di iniziare con le comunicazioni risponde brevemente alle domande poste via mail dal Consigliere Tacconi riguardanti i punti all’ordine del giorno della scorsa riunione.

Fa presente che la Commissione Turismo delle Radici, la cui proposta è pervenuta alla segreteria nei tempi e modalità stabiliti, è demandata alla Presidenza in quanto, considerata la fase iniziale in cui si trova il progetto, più che di una commissione si tratta di una raccolta di informazioni, pertanto di natura comunicativa.

La proposta di Tacconi riguardante l’istituzione di una commissione che si occupi dei Cantoni SZ, ZG, SH e GL è già stata discussa ed è stata presa una decisione.

Petta evidenzia che il consigliere Tacconi prima di ogni riunione fa pervenire note o osservazioni alle quali puntualmente viene data risposta, ma per essere costruttivi sarebbe opportuo leggere i verbali prima di inviare note su questioni già definite. Le commissioni sono state formate in modo trasparente e tutti potevano candidarsi come responsabili.


Tacconi chiede la parola e sottolinea che non ritiene di avere ricevuto risposta alle sue richieste. Fa notare che i Consiglieri sono venuti a conoscenza della Commissione Turismo delle Radici in sede di plenaria, pertanto non hanno avuto il tempo di decidere se proporsi come responsabile o come membro. Ritiene che le regole date dall’esecutivo non siano state rispettate.

Anna Putrino ricorda la comunicazione inviata a tutti imembri il 1 febbraio 2022 in merito alle commissioni, indicava come termine il 7 febbraio per comunicare sia la candidatura come responsabile sia la presentazione di una eventuale nuova commissione; queste comunicazioni dovevano pervenire alla segreteria e, successivamente, al plenum dell’8 febbraio, sarebbe stato il Presidente a riferire a tutti i presenti quanto pervenuto in merito alle candidature come responsabili o alle eventuali nuove commissioni.

Per la comissione Turismo delle radici tutti i termini sono stati rispettati e inoltre, durante il plenum è stato ampiamente descritto l’oggetto della nuova commissione e lo stesso giorno era stata inviata anche la relazione del CGIE redatta in seguito ad un apposito incontro dallo stesso che prevedeva tra i punti trattati anche il Turismo delle radici.

Ritorna a precisare che considerata la natura informativa della Commissione, la stessa è stata demandata alla Presidenza.

Precisa che quindi chiunque poteva e può presentare una nuova commissione, sempre che non si frapponga a quelle già esistenti.

Anna Putrino per fugare eventuali dubbi chiede alla segretaria di dare lettura della email di comunicazione dell’1 febbraio inviata a tutti i membri: La segretaria precisa che la email dell’1 febbraio è stata letta da tutti i consiglieri e da lettura della email nella quale testualmente è riportato che “…le eventuali proposte di altre commissioni dovono essere inviate entro il 7 febbraio alla segreteria..” con una breve descrizione della commissione che si intendeva proporre.

Anna Putrino ribadisce che quindi tutti i termini sono stati rispettati.

Ricorda che nell’ultima riunione plenaria a riguardo si era creata una confusione che poi è stata definita con mail contro la quale nessuno ha obiettato: infatti, successivamente al plenum, per tutte le commissioni sono state effettuate varie comunicazioni e aggiornamenti a seguito di contatti intercorsi tra diversi consiglieri con la segreteria; ciò ha determinato l’aggiornamento dell’elenco delle commissioni, nonchè l’inserimento dei nominativi di altri consiglieri quali membri nelle varie commissioni.

Chirichella comunica che è stata invitata alla riunione della Commissione Cultura con solo un giorno di anticipo, il breve lasso di tempo non le ha permesso di organizzarsi per partecipare. Chiede che in futuro le convocazioni vengano fatte con almeno 5gg di anticipo.

Pingitore comunca che l’invito è stato inviato con poco anticipo per gravi motivi familiari e questo è stato comunicato nell’invito.

Ticchio non è d’accordo con i punti all’o.d.g. in quanto non è stato inserito il punto richiesto dalla Commissione Sociale.


Approvazione del verbale dell’08.02.2022

I presenti approvano il verbale all’unanimità.


Casa d’Italia - aggiornamento

Il Console Altana prende la parola. Saluta i presenti. Comunica che è stata conclusa la fase di attività relativa alla predisposizione del progetto esecutivo. Insieme al MAECI, per conto del quale il Consolato opera, si stanno portanto avanti una serie di attività quali la verifica dei prodotti, la verifica delle esigenze normative e pratiche, risoluzione di dubbi dell’autorità locale sul progetto esecutivo, specialmente nella parte riguardante gli impianti.

Si sta predisponendo il pacchetto degli strumenti per avviare la gara d’appalto. Si dovrà costituire una commissione valutativa delle offerte pervenute, ci sarà la valutazione di tali offerte e poi l’assegnazione dei lavori.

Si sta per ottenere il permesso di costruire e l’autorizzazione di messa in opera del cantiere. È stato rinnovato il contratto con la città di Zurigo per i locali dove risiede il polo scolastico. Inoltre è stato modificato il contratto di locazione del Consolato al fine di poter uscire prima del previsto senza incorrere in penali.

Il Ministero ha provveduto ad accreditare al Consolato una significativa tranche per poter pagare quanto svolto fino ad ora.

Precisa che quella che riguarda Zurigo è l’operazione immobiliare più significativa che il MAECI sta operando all’estero.

Le difficoltà maggiori si sono riscontrate nell’allineare i requisiti giuridici e tecnici tra il diritto svizzero e quello italiano.

Per quanto riguarda la gara d’appalto, si stà valutando di prevedere una prequalificazione che permetterebbe di accertare che chi si propone possa certificare di avere i requisiti necessari e poi aprire la gara solo a chi li possiede. L’intento consiste nell’avviare la gara tra 3/6 mesi e chiudere i lavori dopo 18 mesi. Nel caso si verificassero dilatazioni, si consegnerà per prima la porzione ad utilizzo delle scuole. SI presume che i lavori finiranno alla fine del 2024, ma si avranno più certezze con la definizione del contratto.

Calabrese chiede se il fatto che l’immobile è sotto tutela dei beni culturali svizzeri ha dato dei benefici o dei problemi.

Il Console risponde che il comune ha fissato dei parametri che non permettono di abbattere, di allargare o di alzare l’edificio. Inoltre alcune parti devono rimanere originali. Non è possibile modificare la struttura significativamente.

Il Console risponde a varie domande di Luciani Vogel ed informa che le direttive dei lavori sono date dalla normativa sui contratti pubblici UE in quanto si tratterà di un appalto pubblico organizzato da un organo dello stato Italiano. La gara sarà europea e le direttive devono essere osservate, se non sono incompatibili con quelle locali.


Servizi consolari

Petta introduce l’argomento ed informa che l’esecutivo ha incontrato il Ministo Altana per discutere delle tematiche di interesse della comunità. È stato sollevato il problema delle lamentele legate alla giornata del venerdì, quando il Consolato consente di accedere senza appuntamento, esclusivamente per il rinnovo del passaporto. Molta gente si presenta ma non tutti possono usufruire dell’entrata senza appuntamento. Si è inoltre parlato del servizio dell’ufficio notarile che, avendo solo una persona che svolge le varie pratiche si è creata una lunga lista di attesa. Si è inoltre fatto notare che l’elenco dei professionisti pubblicato sul sito del Consolato deve essere accertato.

Il Console prende la parola è conferma che si sta provvedendo ad aggiornare gli elenchi e per quanto riguarda i consulenti legali è stata richiesta una documentazione che accerti le varie competenze.

Per quanto riguarda la carenza di personale ieri è arrivata una funzionaria per 3 mesi addetta al polisportello. A fine aprile, arriverà un funzionario in sotituzione della dott.ssa Cirella. Su 5 posti disponibili si potranno avere 2 assegnazioni previste per luglio.

Il persole è in sofferenza ed è prevista una nuova votazione che causerà altri disagi.

Per l’informazione, purtroppo l’elemento deficitario è il telefono. È stata esplorata l’idea di un centralino esterno a pagamento. Si è rilevato che la difficoltà sta nella serietà delle società che offrono tale servizio. Le società formano i loro dipendenti addetti a dare informazioni, risparmiano sui loro salari, i dipendenti scontenti cambiano lavoro e i nuovi non vengono più formati come dovuto.

Conferma quanto anticipato per il servizio notarile presso il quale al momento è impiegata una sola persona che proviene dal polisportello.

I collaboratori del Consolato meritano un plauso per aver lavorato molto e bene ottenendo buoni risultati. Purtroppo nelle condizioni attuali non è possibile soddisfare la domanda che arriva in Consolato.

Anna Putrino chiede se è possibile attingere localmente ad impiegati.

Il Console informa che in astratto è possibile. Nella pratica ogni decisione di assunzione di personale locale proviene dal MAECI che dispone di un contingente complessivo dato dal Ministero del Tesoro. Il contingente è sfruttato quasi al 100%.

Ticchio chiede quali membri sono stati dal Console. Ricorda che il numero delle pratiche per passaporti emesse il venerdì sarebbe dovuto aumentare, con il ripristino della presenza degli impiegati.

Il Console conferma che quando gli impiegati sono presenti, il venerdì il numero delle pratiche arriva anche a 40. Purtroppo, cusa covid nelle ultime settimane si è scesi a 20/25.

Petta precisa che l’esecutivo, a seguito di apposita richiesta, ha incontrato il Console.

Ticchio ritiene che la coordinatrice della Commissione Sociale avrebbe potuto partecipare.

Luciani Vogel chiede se il Consolato può avvalersi di volontari, di stagisti, se è possibile avviare delle convenzioni con notai in Italia che preparino gli atti pronti solo per la firma e se si può aumentare il numero di corrispondenti consolari. Inoltre vorrebbe sapere quali sono i punti deboli del Consolato per poter aiutare tramite l’informazione ai connazionali.

Il Console precisa che non si possono fare convenzioni con soggetti esterni. Il problema è la sproporzione tra la domanda e quello che si può fare.

Il volontariato non è ammesso. Gli atti che emette il Cosolato sono tutti a firma del Console che li fa preparare dai suoi impiegati. Vi sono stagisti, in accordo con università italiane, che si occupano soprattutto di statistiche e comunque agiscono a distanza. La rete dei corrispondenti è ampia ma potrebbe aumentare.

Petta interviene e comunica che in riferimento alle difficoltà dell’ufficio notarile, il Comites potrebbe organizzare un pool di professionisti per offrire una consulenza gratuita presso i locali del Comites, per aiutare nella compilazione di documenti anche attingendo alla lista di professionisti pubblicato sul sito del Consolato.

Il Console precisa che è un aspetto delicato. Il Consolato in questo caso dovrebbe passare in secondo piano in quanto non può raccomadare professionisti. Ciò che sarebbe utile è fornire al Consolato nominativi di professionisti in quanto le liste sono poco nutrite.

Anna Putrino precisa che l’idea di progettualità comunicata dal Presidente, già illustrato al Ministro durante l’incontro, intende offrire una attività gratuita al connazionale 1 volta al mese ed è importante poter disporre di un rapporto diretto con il Consolato per rendere il servizi più rapido, soprattutto per alcune pratiche.

Pingitore fa presente che l’On. Ungaro ha fatto sapere che il MAECI ha dato la disponibilità per 113 contrattisti nel mondo. Inoltre ha confermato che sarà inviato un viceconsole a Zurigo.

Il Console non conosce il provvedimento riferito ai contrattisti, non ha avuto comunicazioni in merito. Conferma che è stato assegnato un funzionario con mansioni di viceconsole, non si sa però quando sarà inviato.



Presentazione delle attività delle Commissioni

Petta precisa che non si tratterà di un dibattito ma di una mera relazione sulla attività svolta o in programma.


Passa la parola a Mario Pingitore per la Commissione Cultura.

Pingitore comunica che nell’ultimo periodo ha avuto dei problemi familiari che hanno limitato la possibilità organizzativa.

Ha preso contatti con personalità locali della cultura per inserirli nella commissione come mebri esterni.

Sta organizzando un concerto il cui ricavato andrà ai profughi ucraini.

Ha incontrato il direttore dell’Istituto di Cultura, dott. Ziosi.

Ha preso contatti con il Teatro Blu di Milano, che gode di un finanziamento della Regione Lombardia che proporrà uno spettacolo su Fellini.

Ha preso contatti con un duo della Scala di Milano (violino e piano).

Questi due eventi sono stati esposti all’IIC e sono già stati comunicati all’organizzatore di Zurigo in Italiano. Per la realizzazione sono già stati trovati i finanziamenti, pari a circa CHF 10'000.

Prenderà contatti con i presidi dei Licei italiani locali (Artistico e Vermigli) per proporre alcune conferenze offerte dal prof. Sabatini.

Incontrerà i responsabili della Missione Cattolica di Lingua Italiana e il direttore della TSI.

Il 07 maggio parteciperà al Convegno sull’italiano che si terrà a San Gallo.

Ha avviato i contatti con il procuratore antimafia di Catanzaro per una conferenza all’Università di Zurigo.

Invita tutti i presenti al Concerto che organizza il Circolo S. Pertini il 02 aprile alla Stadthalle di Dietikon.


Passa la parola a Domenica Ilardo per la Commissione Scuola e Casa d’Italia.

Ilardo procede con la relazione. La Commissione ha come destinatari, alunni e insegnanti. L’obiettivo della commissione è promuovere e garantire la crescita dei Corsi di lIngua e Cultura, garantire anche in futuro le scuole italiane bilingue in Svizzera. Promuovere una campagna di informazione sull’esistenza di un polo scolastico nella area di Zurigo che offre un percorso di formazione dai 3 anni fino alla maturità i cui titoli sono riconosciuti dal Cantone di Zurigo, dall’Italia e dalla Comunità Europea. Al contempo la Commissione si propone di informare sull’andamento dei lavori alla Casa d’Italia. Avviare iniziative per portare avanti il progetto sulle scuole italiane bilingue e sostenere quelle iniziative che possono migliorare le attività conoscitive per gli alunni.

Petta comunica che ha partecipato ai lavori della Commissione e si compiace per la bella atmosfera che si è creata all’interno. Auspica che tutte le commissioni possano lavorare per la comunità.


Cosimo La Torre per la Commissione Integrazione e Rapporti con le Autorità locali e le Associazioni.

La Torre comunica che fino ad ora i componenti della commissione non si sono riuniti ma lo faranno al più presto. Gli obiettivi sono quelli di agevolare l’inserimento dei nuovi arrivati nel tessuto sociale locale e l’incontro con le associazioni per rilevare le loro necessità. Verranno inseriti membri esterni.

La Commissione necessita di un accreditamento presso le autorità locali per poi presentarsi personalemente e proporre eventuali progetti.

Il Console a tale proposito riferisce che in Consolato si sta preparando la lettera di presentanzione per le autorità locali. La lettera verrà inviata alle maggiori città presenti nella circoscrizione e conterrà l’informazione che è stata rinnovata la composizione del Comites, ricordando quali sono le funzioni del Comitato.


Passa la parola a Ippazio Calabrese per la Commissione Rapporti con i Cantoni LU, NW, OW, Uri.

Calabrese informa che al momento non ha progetti da esporre. Ha preso contatti con alcune associazioni e alcune Istituzioni locali dalle quali ha vuto la disponibilità a collaborare. Prossimamente organizzerà un incontro con il gruppo, del quale fanno parte anche membri esterni per valutare eventuali iniziative.

Tacconi chiede chi sono gli esterni che ne fanno parte.

Calabrese informa che al momento non ha ancora la conferma degli esterni. Verrà comunicato quanto prima.


Passa la parola a Cristina Luciani Vogel per la Commissione Sociale.

Informa che il gruppo si è riunito tre volte per cominciare a conoscersi e da questi incontri sono scaturite diverse idee.

Per quanto riguarda la terza età, fornisce alcuni acenni rispetto ai viaggi per i connazionali anziani organizzati dal Comites.

Per quanto riguarda il sociale è necessario che si attivi di più la comunicazione per dare modo ai connazionali di conoscere la commissione. Inoltre, chiede al Ministro di avere delle indicazioni che possano essere poi riferite ai connazionali. Sarebbe utile poter incontrare i funzonari dei vari sportelli per conoscere quali sono le specificità.

La commissione ha elaborato delle tematiche quali la richiesta di aumento del personale in Consolato con la proposta di sottoporre la richiesta al CGIE con la speranza di avere un appoggio. Ticchio propone di aprire l’albo elettorale e permettere di aggiornarlo quando il connazionale va in Consolato, evitando così il lavoro che precede le elezioni. Oppure propone di affiancare le votazioni comites ad altro genere di votazioni anche in questo caso si rdurrebbe la spesa e il lavoro. La commissione propone l’operazione trasparenza che prevede che le persone che svolgono attività presso i Patronati si annuncino in Consolato con dichiarazione del Patronato e la esibizione della assicurazione per danni, se coperti.

La Commissione propone anche incontri zoom con il personale del Consolato organizzati dal Comites per spiegare come procedere per la compilazione dei moduli e come procedere per ottenere i vari servizi. Per gli anziani la commissione prenderà contatti con il dipartimento della terza età. Sarebbe utile conoscere se qualcuno parla italiano che possa mettersi a disposizione dei connazionali per delle consulenze/conferenze, magari con il supporto dell’Unitre.

Il Console conferma che nel dipartimento dell’integrazione del Cantone Zh c’è una signora che parla molto bene l’italiano. È importante conoscere ciò che fa la città per non creare doppioni. Per quanto riguarda il servizio sociale del consolato il responsabile è il signor Lingetti che può essere contatto. Si dice disponibile a fare personalmente dei punti informativi che però non potranno essere svolti dai dipendenti in quanto già occupati pr i servizi ordinari. Ticchio conferma che dagli incontri che sono sati fatti con la Commissione, sono emerse delle iniziative da svolgere: la metodologia di iscrizione all’albo elettorale e la necessità incrementare personale per il Consolato di Zurigo. La Commissione ha ritenuto di chiedere di mettere all’odg odierno questi punti e ciò non è stato fatto. Chiede che sia messo a votazione se il lavoro svolto dalla Commissione è di gradimento dei membri.

Petta ribadisce quanto già comunicato a Ticchio via mail. Le tematiche sono importanti ma al momento sottoporle al CGIE non porterebbe alcun frutto in quanto questo organismo è in scadenza. Ritiene che sia più utile formulare le nostre considerazioni e proposte, scaturite dalla assemblea plenaria, al prossimo CGIE.


Sivillica esprime un’osservazione sulle commissioni ascoltate finora e rileva che ci si rivolge alla propia località di residenza mentre auspica che il Comites si occupi di tutto il territorio rappresentato.


Maurello concorda con Sivillica e prega i responsabili delle commissioni di contattare gli residenti nelle varie località per conoscere le necessità. Chiede se ogni iniziativa delle commissioni deve passare dal Plenum. Petta conferma che la commissione dovrà al suo interno individuare le iniziative e proporle al plenum che darà il proprio parere approvandole o meno.


Puntilo riprende la richiesta di Ticchio e comunica che secondo lui si dovrebbe votare.

Petta ribadisce che oggi non c’è nulla da mettere in votazione. Le tematiche sono complesse e devono essere analizzate.


Luciani Vogel ritiene che il Comites è un organismo dei cittadini pertanto deve essere presentato a tutti in modo che i connazionali siano a conoscenza delle funzioni. L’aumento della partecipazione al voto avverrà quando il Comites sarà più conosciuto. Solleva la questione Ucraina.

A tale proposito risponde Anna Putrino e comunica che dal 05 marzo scorso ogni settimana i Comites si riuniscono in videoconferenze organizzate dal CGIE per cercare di trovare un coordinamento di aiuti. Poche ore prima di questo plenum si è svolta un’altra videoconferenza. Per quanto riguarda Zurigo, sono stati già presi i contatti con la MCI perché ha avviato una raccolta fondi legata alla Caritas. Al Comites è arrivata la richiesta di patrocinio per una raccolta di fondi a favore dei bambini ucraini organizzata da ASSOII e il Comites ha accettato. Per l’aiuto ai profughi ci si sta coordinando, ma al momento è necessario attedere le indicazioni delle autorità locali.


Petta, dietro specifica domanda, conferma che i verbali delle ultime riunioni saranno pubblicati al più presto. Precisa che ai fini della comunicazione verranno incrementati anche i social. Nell’intento di far conoscere il Comites, propone che le riunioni vengano fatte nelle località rappresentate.

Calabrese informa che Lucerna è disponibile ad ospitare una seduta plenaria.


La parola passa a Renato Cartelli, rsponsabile della Commissione Made in Italy.

Cartelli comunica che si sta progettando un grande evento internazionale con fulcro a Zurigo, in sinergia con altri Comites in Svizzera e nel Mondo. L’obiettivo è quello di premiare una azienda che promuove il made in Italy. Al momento si sta formando un gruppo di lavoro per orientare le forze.

Tacconi trova l’iniziativa interessante e chiede quale forma sarà adottata (fiera, tavola rotonda)

Cartelli comunica che il progetto è ancora in fase preparatoria.


La parola passa ad Anna Putrino per la Commissione Turismo delle Radici

Comunica che il prossimo 26 marzo si terrà a Basilea un Convegno al quale è stata invitata la Presidenza. La manifestazione è patrocinata dal CGIE e organizzata dalla VIM. Parteciperanno tra gli altri il Comites di Basilea, di Zurigo la CCIS e la CIM.

Tacconi ringrazia dell’informazione in quanto ritiene che sia importante sapere quando il Comites si muove. Chiede se vi sarà un rimborso spese per chi partecipa.

Petta comunica che non vi sarà rimborso spese.

Sivillica chiede di far parte della Commissione Turismo delle Radici.

Anna Putrino risponde che al momento la commissione non ha membri in quanto è unicamente di natura informativa. In futuro quando cambieranno le caratteristiche, i membri saranno bene accetti.


Sivillica chiede ragguagli sull’iniziativa dei Giochi invenali dei quali ha letto dai giornali, ma non ne era a conoscenza.

Petta conferma che il 20 marzo si terrà la giornata conclusiva dei giochi invernali con la premiazione cui parteciperà anche il Ministro.

Petta conferma che si tratta di una iniziativa che è partita nel 2004 su suggerimento del Comites di Zurigo. Ogni anno si sono tenute queste gare sulla neve che coinvolgono molte persone di tutte le generazioni. Per l’edizione che riguarda il 2022, il Comites attuale ha proseguito il lavoro e gli accordi presi già a settembre dello scorso anno dal precedente Comites con i clubs sciistici della circoscrizione e con il Consolato, quest’ultimo ha erogato un contributo per l’affitto delle piste in cui importo è stato indicato dai club sciistici organizzatori.


Con un ringraziamento a tutti per il lavoro svolto, alle ore 23.00 il presidente chiude la seduta.




La verbalista Il Presidente del Comites

Barbara Panzeri Gerardo Petta




Il presente verbale viene approvato in data 07.04.2022


Post recenti
Archivio
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Google+ Basic Square